Blog - The Labyrinth

Chi siamo

The labyrinth si impegna a promuovere esperienze di viaggio responsabile nelle comunità rurali dei paesi definiti comunemente in via di sviluppo, con l’obiettivo principale di migliorare la qualità di vita delle popolazioni, tutelarne e valorizzarne le identità sociali, culturali e ambientali,  e sostenerne lo sviluppo endogeno sociale ed economico.

Accogliendo pienamente la definizione fornita dall’ A.I.T.R., Associazione Italiana di Turismo Responsabile, in occasione dell’assemblea avuta luogo a Cervia in data 09 ottobre 2005 assumiamo che:

“Il turismo responsabile è il turismo attuato secondo principi di giustizia sociale ed economica e nel pieno rispetto dell’ambiente e delle culture. Il turismo responsabile riconosce la centralità della comunità locale ospitante e il suo diritto ad essere protagonista nello sviluppo turistico sostenibile e socialmente responsabile del proprio territorio. Opera favorendo la positiva interazione tra turismo, comunità locali e viaggiatori”.

L’A.I.T.R. prosegue spiegando che questa definizione “si traduce nella tendenza degli operatori turistici sensibili ai temi della responsabilità sociale dell’impresa, della sostenibilità ambientale, dell’equità di genere e alle buone pratiche in generale, a fare molta attenzione a che il turismo responsabile sia ideato, realizzato e complessivamente gestito in maniera tale da non generare dei fenomeni di iniquità sociale ed economica, soprattutto a danno delle popolazioni delle regioni ospitanti il turismo stesso”.

Inoltre, essendo anche in perfetto accordo con i dettami esposti dal Codice Etico Mondiale del Turismo siamo pienamente convinti che il turismo possa essere uno degli strumenti sostenibili capaci di combattere la povertà, i vari tipi di discriminazione, ed essere anche mezzo idoneo a creare incontri pacifici tra culture nel rispetto dei diritti umani individuali e collettivi.

Avendo come obiettivo anche quello di formare le coscienze degli individui verso un turismo sempre più etico e responsabile ci impegniamo nella realizzazione di itinerari predisposti a tale fine, in cui il viaggio stesso è il mezzo principale per raggiungere il fine: la formazione delle coscienze.

Al fine di raggiungere i nostri obiettivi nel rispetto dei principi appena esposti ci avvalliamo anche della collaborazione di organizzazioni non governative o di altri soggetti privati purché questi non violino il nostro codice etico.

In quest’ottica, il viaggio è visto come un’esperienza di condivisione e scambio tra comunità e viaggiatore, favorendo in quest’ultimo un’autentica conoscenza del territorio visitato e la consapevolezza di creare benefico tanto a se stesso quanto al residente ospitante.