Blog - The Labyrinth

Manifesto

Il simbolo di The Labyrinth si ispira ad una incisione rupestre trovata in Val Camonica risalente al III-II millennio a.C. che potrebbe voler rappresentare come la capacità visiva di chi osserva sia al centro di un labirinto e come ogni individuo agisca in base alla propria soggettività. Già dai tempi antichi l’essere umano era cosciente di percepire e interpretare la realtà in maniera arbitraria e sempre diversa da quella di chiunque altro.

Anche un operatore di turismo responsabile è influenzato dalla propria sfera soggettiva quando agisce in un determinato territorio, alla ricerca della sua autenticità. Questo ci impedisce di rivelare la più profonda e oggettiva realtà che domina un territorio. A risolvere il problema giunge in soccorso Socrate, individuando nel dialogo onesto e sinergico, con se stessi e con gli altri, il mezzo capace di rivelare la realtà.

Labyrinth si propone di dialogare con le comunità locali, convivendoci, per far emergere la più autentica realtà locale al fine di trasmetterla, valorizzarla e salvaguardarla senza impedirne i normali sviluppi endogeni: rendersi partecipante attivo e al contempo neutrale dei cambiamenti storici di una determinata località, semplicemente affiancando lo spirito di un popolo, dialogandoci e lasciando che segua il suo destino.

Questo si prefigge Labyrinth come base etica del suo operare: diventare testimone dello spirito collettivo che aggrega un popolo, un piccola etnia, riuscire a diventare parte del suo tessuto sociale, rendersi capace di dialogare e aprire confronti interculturali.

Vivere a lungo e profondamente un luogo ci aiuta ad instaurare quel dialogo necessario a sviluppare atteggiamenti etici e culturalmente pertinenti a ogni singola località.

Occorre proteggere l’identità di un luogo, fatta di ogni sua componente paesaggistica, naturale, culturale, sociale e storica. Gli antichi romani la identificavano con il Genius Loci, cioè quell’entità che vegliava e proteggeva la complessa identità locale.

Già da millenni abbiamo radicato in noi questi principi. Dobbiamo valorizzarli ed essere consapevoli che l’essere uomo è sempre più un essere viaggiante. È nostro dovere cercare di capire come spostarci sulla terra nella maniera più corretta possibile, creando effetti socialmente positivi, non dannosi per l’ambiente.

Questa è la missione che si prefigge The Labyrinth che si avvale dei vari mezzi di comunicazione per promuovere le sue attività e mantenere costantemente aggiornato l’utente sui contesto socio-culturale e politico dei paesi di interesse.