• Signora maya quiché all'entrata della chiesa Santo Tomas di Chichicastenando

    Ylenia Bonacina, 22 anni, studentessa dell’Accademia delle Belle Arti di Brera di Milano, ha fondato il blog “Alla scoperta del Guatemala” a seguito del viaggio di turismo responsabile compiuto con The Labyrinth a Novembre 2016.

    Ylenia si definisce come fotografa amatoriale con il grande desiderio di raccontare storie attraverso i suoi scatti. The Labyrinth è stato per lei la prima opportunità per mettere in pratica la sua grande passione legata alla fotografia di viaggio, passione che preso le forme di un blog premiato dall’Accademia delle Belle Arti. Continua a Leggere

  • 1

    Alessia Morelli, il suo commento sulla comunità Nuevo Horizonte popolata da ex combattenti appartenenti alla F.A.R., Forze Armate Ribelli:

    “Erano 126 combattenti della ForzeArmateRibelli. Ora sono 450 persone che hanno creato una comunità di pace. Vivendo con loro, dormendo nella selva come dormivano loro al tempo della guerra, senti, durante i racconti, le stesse ferite e la stessa forza…e capisci quanto siamo realmente incapaci di “sentire” in questa generazione persa.

    ‘Ser joven y no ser rivoluzionario es una contradiccion biologica’ S.Allinde”.

    Nuevo Horizonte è stato definito come il migliore modello di sviluppo comunitario presente in Guatemala: autonomia nel confronti dello Stato centrale, autosufficienza economica, eco-sostenibilità, sicurezza, solidarietà e uguaglianza di genere fanno della comunità un esempio unico per tutto il paese. Continua a Leggere

  • DCIM100GOPROGOPR0642.

     

    Tikal è il più grande sito archeologico maya presente al nord del Guatemala. Piramidi alte quasi 60 metri inserite all’interno della riserva naturale della Biosfera Maya.

    Le riserve naturali in un paese come il Guatemala non sempre sono accettate dalla popolazione maya in quanto l’uso, la tutela e la valorizzazione di tali aree è affidata alla Stato e non alla popolazione nativa. In tale maniera, la riserva toglie il diritto alla popolazione indigena di godere e usare tale spazio naturale nella maniera tradizionale.

    I diritti sulla terra, da cui consegue anche la salvaguardia della biodiversità da parte delle popolazioni indigene, sono la radice dei problemi politici, sociali e culturali del Guatemala. A Tikal, luogo sacro per il popolo maya, le autorità spirituali non possono più recarsi liberamente per ai piedi delle piramidi o in altari spersi in mezzo alla selva perché di proprietà dello Stato.

    Continua a Leggere